Cromoestetica

La cromoterapia ha origini antichissime, poiché le medicine tradizionali hanno sempre attribuito grande importanza all’influenza dei colori sulla salute e sullo stato d’animo dell’uomo.

Egizi, Romani, e Greci praticavano l’Elioterapia (esposizione diretta alla luce solare) per la cura di diversi disturbi.

In India la medicina Ayurvedica ha sempre tenuto conto di come i colori influenzino l’equilibrio dei chakra, i centri di energia sottile che vengono associati alle principali ghiandole del corpo.

Anche i Cinesi affidavano il loro benessere fisico all’azione delle varie tinte; il giallo serviva a rimettere in sesto l’intestino, il viola ad arginare gli attacchi epilettici, il bianco ad riequilibrare il sistema respiratorio, il rosso per il sistema cardiovascolare, ecc. In Cina le finestre delle camere dei pazienti dovevano essere coperte con teli di colore adeguato e il malato doveva essere vestito della stessa tinta.

Negli ultimi anni la cromoterapia ha avuto un notevole sviluppo grazie ai numerosi studi scientifici che evidenziano l’influenza dei colori sul sistema nervoso, immunitario e metabolico.

TRAMONTO

COS’E’ LA CROMOTERAPIA

La cromoterapia è una “medicina” integrativa (si integra ad altre terapie o trattamenti per potenziarne il risultato) che usa i colori per aiutare il corpo e la psiche a ritrovare il loro naturale equilibrio. I colori possono essere assorbiti dal corpo in diversi modi:

• Attraverso le irradiazioni luminose fatte con speciali apparecchiature e filtri;

• Attraverso gli alimenti, ossia mangiando cibi con il loro colore naturale

• Attraverso la luce solare poiché questa racchiude nel suo spettro tutti i colori;

• Attraverso l’acqua solarizzata, ossia irradiata con un’irradiazione luminosa di un preciso colore che la carica di quell’energia;

• Attraverso gli abiti;

• Attraverso il bagno, con acque colorate con essenze naturali o luci speciali;

• Attraverso la meditazione (visualizzazione dei colori) con precise tecniche;

• Attraverso la respirazione e la visualizzazione;

• Attraverso il massaggio con speciali prodotti e pigmenti colorati;

acolor 3

L’energia dei colori al servizio dell’estetica e del benessere

La Cromoestetica consiste nell’irradiare le zone del corpo con luce di diversa colorazione per ottenere un vantaggio estetico. Essa può essere integrata ai tradizionali trattamenti estetici in modo da potenziare e velocizzare il risultato finale. E’ una nuova metodologia che considera l’inestetismo come una vibrazione disarmonica delle cellule di una determinata zona del corpo che potrà essere riequilibrata sfruttando l’energia e, quindi la vibrazione di uno o più colori specifici.

In cromo estetica, prima di agire, bisogna individuare l’inestetismo valutando le sue caratteristiche in modo da scegliere il colore o i colori adatti per procedere alla sua riparazione. Con l’energia del colore è quindi possibile esercitare un influsso globale sul corpo in particolare attraverso la pelle ed una volta eliminata la disfunzione fisica si modifica il modo di pensare e l’emotività in generale. La cromo estetica per la sua completezza e specificità è l’ideale per trattare la salute e la bellezza del corpo e della mente.

acolor 8

La cromo estetica può essere applicata secondo tre metodologie:

• La prima consiste in un trattamento naturale dell’inestetismo proiettando direttamente il colore sulla pelle facendo interagire tra loro le due vibrazioni (inestetismo/colore). Infatti l’energia luminosa con la sua frequenza reagisce con le vibrazioni disarmoniche dell’inestetismo riportando la pelle al suo giusto equilibrio cellulare.

L’alterata funzione di un corpo cellulare (pelle del viso) si riscontra in un cambiamento oscillatorio intercellulare con le conseguenti disfunzioni dovute ad una complessa variazione chimico- fisica di interazione fra cellula e cellula (es diminuzione di produzione di collagene). Integrando con la giusta frequenza della luce colorata si può ripristinare l’omeostasi cellulare con il risultato della remissione della variazione chimico-fisica e la conseguente migliore funzione biologica.

• La seconda consiste in un potenziamento dei classici trattamenti estetici, vale a dire quelli che prevedono la manualità unità all’utilizzo del prodotto. Questa si basa principalmente sull’irradiazione, con il colore opportuno del prodotto applicato.

• La terza metodologia consiste nell’integrazione delle prime due. In questo caso si deve irradiare la pelle con il colore ed il prodotto adatto per la pelle. In questo caso già si produce un effetto benefico sull’inestetismo che verrà ulteriormente potenziato con applicazione del prodotto specifico e con la sua successiva irradiazione utilizzando il colore adatto. Secondo i test e le ricerche, questa metodologia risulta la più efficace e quella che può anche produrre un migliore effetto sulla persona.

Cromoestetica
5 (100%) 1 vote

Luci che ti potrebbero interessare:

Share