Musica e spiritualità: Boom Festival 2014

Quale miglior modo per evadere dalla routine quotidiana se non quello di avventurarsi in un lungo viaggio in auto e tuffarsi in terra lusitana per una settimana fuori dagli schemi? Dal quattro all’undici Agosto, si svolgerà da decima edizione del “Boom Festival”, un’appuntamento imperdibile per chi ama le arti e lo spettacolo mantenendo un occhio di riguardo per la natura.

Per l’occasione non sarebbe per nulla fuori luogo portare con sé la propria bicicletta, per spostarsi tra le diverse aree del festival in totale autonomia e soprattutto in pieno stile “Green”. Ma prima di abbandonarsi alle meraviglie che questa settimana può riservare ai suoi visitatori è bene verificare, prima della partenza che l’auto abbia tutto in regola, inclusa la documentazione di viaggio e l’assicurazione auto, elementi indispensabili soprattutto quando si sceglie di viaggiare all’estero. In caso di rinnovo o per modificare la polizza esistente è possibile scegliere tra tantissime assicurazioni per l’auto sul sito www.assicurazionialtelefono.it. Una volta adottati questi piccoli accorgimenti sarete ponti per tuffarvi in questa nuova avventura al confine tra musica e spiritualità, che promette un’esperienza unica nel suo genere.

Come viene spiegato egregiamente nel sito di presentazione ufficiale dell’evento (http://www.boomfestival.org/), il “Boom” non è solamente un festival, ma un vero e proprio modo di pensare. E’ un percorso spirituale che ognuno sceglie di intraprendere personalmente, una scelta che privilegia aspetti meno legati alla materialità quotidiana, che si rispecchia nelle numerose attività organizzate per l’occasione. La musica diventa un’esperienza che parte dall’individuo e che viene condivisa con il resto della “tribù” in una forma più profonda, lontana dalle logiche di commerciali di massa a cui siamo abituati. Mente e corpo si liberano in un unica manifestazione di armonia interiore, in una comunità che non conosce differenze razziali, di identità sessuale o quant’altro.

Boom festival non è da intendersi come un retaggio Hippie proveniente dagli anni settanta, piuttosto come un luogo di incontro, comunione, condivisione ed esternazione di pensieri e parole, sotto svariate forme, dalle arti figurative alla musica. Oltre a questa importante opportunità di confronto, è possibile partecipare a numerose conferenze su diversi temi, quali mitologia, psichedelia, tematiche esoteriche, miti e riti ancestrali, oltre a una gran quantità di discussioni inerenti al tema dell’ecologia e dell’eco-sostenibilità.

Una sorta di ritorno alle origini dal punto di vista spirituale, una presa di coscienza nella nostra evoluzione interiore che non deve farci dimenticare la vera madre che accomuna tutti gli individui del mondo: la natura. Pittori visionari e artisti contemporanei mostreranno le loro meraviglie tramite installazioni temporanee presenti durante il festival. Oratori d’eccezione come ad esempio Graham Hancock, studioso britannico che racconta le sue esperienze psichedeliche raccolte nel corso degli anni attraverso l’utilizzo dell’ayahuasca, una bevanda allucinogena tribale ribattezzata “Madre ayahuasca” dalle popolazioni indigene, daranno luogo ad interessanti dibattiti.

Collaborazioni musicali tra artisti di vario genere renderanno ogni visitatore parte integrante del festival, e grazie al “Dance Temple”, una pista da ballo futuristica che esalta lo spirito tribale presente in ogni individuo, ci si potrà immergere in un’autentica danza psichedelica sulle note della musica Goa. Il Boom festival è stato insignito del premio di “Greener Festival Award Outstanding”, ovvero un riconoscimento per il festival più ecologico, per ben tre anni, ovvero nel 2008, 2010 e 2012.

Tutto ciò che si può trovare nei vari stand è caratterizzato da un profondo rispetto per l’ambiente: basti pensare ai bagni, interamente ecologici cosi come i generatori di corrente, tutti alimentati con dei combustibili vegetali. Per non parlare di energia solare ed eolica, largamente impiegate, o le numerose soluzioni per l’acqua, trattata esclusivamente a base di piante. Saranno presenti inoltre una serie di servizi gratuiti, come il campeggio, la connessione wi-fi, l’acqua, le docce ed i servizi igenici e tanti altri. Per acquistare i biglietti e partecipare a questa meravigliosa iniziativa è sufficiente consultare il sito internet e completare l’acquisto direttamente sul portale online appositamente dedicato.

Musica e spiritualità: Boom Festival 2014
5 (100%) 3 votes

Luci che ti potrebbero interessare: